Benvenuto nel sito della Parrocchia!

23 giugno - 7 luglio 2019

"LA MISSIONE RIVOLTA A TUTTE LE GENTI" 

Commento al Vangelo di Lc 10,1-12.17-20 di p. ENZO BIANCHI (Fondatore della Comunità di Bose)

Il brano del vangelo secondo Luca che il calendario liturgico ci propone per domenica 30 giugnop non è solo ricco di messaggi sulla missione dei discepoli ma appare fortemente ispiratore in quest’ora della chiesa, per una ricomprensione dell’evangelizzazione tra le genti.

Gesù ha già dato inizio alla missione, inviando i Dodici che aveva chiamato “apostoli”, cioè missionari, inviati (cf. Lc 6,13; 9,1), perché annunciassero il regno di Dio e guarissero i malati. Ora però sente il bisogno di designare (anédeixen) altri, diversi dai Dodici e anche dai messaggeri (ángheloi: Lc 9,52) inviati in Samaria. Di fronte al bisogno e all’urgenza della missione, Gesù è libero, visionario, creativo, e si mostra – potremmo dire – come “il Signore dei ministeri”. Questi discepoli designati sono settantadue, il numero delle genti pagane fissate da Gen 10 (secondo la versione greca) e dal pensiero giudaico. Sono dunque idealmente inviati a tutte le genti della terra, verso le quali non a caso dopo la resurrezione di Gesù si recheranno gli apostoli, in una missione universale testimoniata da Luca negli Atti.

C’è bisogno di missionari e, quando questi si mostrano insufficienti, occorre innanzitutto pregare il Signore della messe affinché invii operai per questa mietitura, metafora della raccolta escatologica di tutti gli esseri umani nel Regno. Ma occorrono anche audacia e creatività per scegliere inviati diversi dai Dodici eppure sempre a servizio del Regno che si avvicina. Ecco dunque una nuova forma di missione dettata dalla necessità della salvezza di tutti gli umani. Anche questi settantadue, che non ricevono un nome ministeriale come quello di “apostoli” riservato ai Dodici, sono inviati “come agnelli in mezzo ai lupi”, come precursori di Gesù nelle diverse città in cui egli si sarebbe recato (anche nel tempo post-pasquale, quale Signore risorto e vivente!), e devono assumere un comportamento essenziale per il discepolo: mitezza, non-violenza, umiltà, disponibilità anche a essere attaccati dai lupi.

Gesù li invia a due a due, affinché la loro testimonianza, fondata sulla parola di due testimoni (cf. Dt 19,15), risulti credibile, affidabile, ma anche perché in due si può vivere la fraternità, la solidarietà, l’aiuto reciproco; senza dimenticare che la presenza di un altro fratello è un invito a non cedere alle tentazioni individualistiche ed egocentriche. La dimensione comunitaria è essenziale nella missione perché impedisce l’autoreferenzialità, la mancanza di correzione reciproca, la vertigine dell’io che non imputa mai a se stesso errori o peccati. Per questo negli Atti degli apostoli Luca si compiace di narrare le missioni di Paolo e Barnaba, di Paolo e Sila, di Barnaba e Marco…

Ma ecco altre consegne da parte di Gesù. Egli in primo luogo chiede di mettere piena fiducia in Dio, vivendo nella sobrietà e senza cercare con ansia mezzi di sussistenza quali il denaro o l’equipaggiamento. Il bagaglio per la missione deve essere leggero, perché più si è poveri più si riesce ad annunciare la gratuità del regno di Dio veniente, la gratuità dell’amore di Dio che mai deve essere meritato né acquistato. L’inviato dipende solo dal suo Signore, ma può confidare anche nei discepoli, negli amici del Signore stesso. Guai se i missionari di Gesù apparissero come predicatori itineranti che vivono come funzionari o addirittura come prestatori d’opera, che si fanno ricompensare lautamente o si fanno mantenere dalle comunità tra le quali gironzolano, raccogliendo denaro. Non devono neppure apparire come chiacchieroni che parlano con chiunque incontrano, dimenticando che la loro missione non è mai paragonabile a un viaggio in cui si appagano curiosità o ci si comporta da turisti.

E quando questi inviati entrano in una casa, allora innanzitutto annunciano e portano la pace, affinché se in quella casa vi è chi desidera e cerca la pace, la possa ottenere come una benedizione che porta vita, desta gioia, ispira riconciliazione. Quanto poi al cibo e all’ospitalità che si riceve, li si deve accogliere con gratitudine, senza pretendere la comodità, il lusso, la raffinatezza. Non valgono più le regole giudaiche sui cibi puri e impuri, né quelle ascetiche che condannano o vietano alcuni alimenti. No, il missionario sa che a tavola ogni barriera è abolita (cf. Mc 7,14-20), sa che tutto ciò che Dio ha creato è buono (cf. Sap 11,24), sa che deve rispettare il cibo, rendere grazie per esso e soprattutto condividerlo con chi è povero e bisognoso (cf. 1Cor 9,15-18; 11,20-22). E si faccia attenzione: queste non sono prescrizioni secondarie o meri dettagli, ma esigenze che definiscono il comportamento, lo stile cristiano in mezzo agli altri uomini e donne. Quanto poi al messaggio da annunciare, è brevissimo: “Il regno di Dio si è avvicinato a voi”, cioè “potete far regnare Dio nelle vostre vite, nelle vostre storie, nel mondo in cui abitate; lasciate che Dio sia il Signore, l’unico vostro Signore, e allora il regno di Dio sarà tra di voi e in voi”.

Gesù avverte poi i discepoli che potrà loro anche accadere di non essere accolti, di essere osteggiati, cacciati e addirittura perseguitati. Quello che egli ha vissuto nella sua vita potrà essere vissuto anche dai suoi inviati. In tal caso i discepoli non risponderanno con insulti, con maledizioni o con ostilità, ma con mitezza usciranno dalla città e scuoteranno dai loro piedi la polvere che vi si è attaccata, affermando di non voler portare con sé neanche quella… Verrà comunque il giudizio di Dio nel suo “giorno”, e allora sarà manifesto che il peccato degli abitanti di Sodoma (cf. Gen 19) è meno grave del peccato di chi non accoglie la buona notizia della salvezza. Infatti, più grande è il dono ricevuto da Dio, più grande è il peccato di chi lo rifiuta! Risuonano dunque anche sulla bocca di Gesù le invettive profetiche rivolte alle città in cui non solo egli aveva predicato la conversione ma aveva pure compiuto prodigi (cf. Lc 10,13-15). E così l’antico oracolo contro Babilonia (cf. Is 14,13-15), città nemica del Dio vivente, viene rinnovato contro Cafarnao, la città che è stata centro dell’attività e della missione di Gesù. Queste immagini del giudizio ci intimoriscono, ma cerchiamo di cogliere in esse la passione di Gesù per la venuta e l’accoglienza del regno di Dio, nonché la sua chiaroveggenza profetica sulla strada percorsa verso la rovina proprio dai destinatari della sua parola. La sua è infatti parola di Dio, di colui che lo ha inviato perché fosse ascoltato, ed è la stessa parola da lui consegnata ai discepoli missionari. Perciò chi disprezza l’inviato, disprezza anche colui che lo ha mandato (cf. Lc 10,16).

Infine Luca racconta anche il ritorno dei settantadue dalle trentasei missioni da loro compiute. Grande è la gioia perché, secondo la promessa contenuta nell’invio in missione, i demoni arretrano di fronte alla loro predicazione carica di autorità (exousía) e all’invocazione del Nome di Gesù. Ed è proprio Gesù stesso, il Signore, che, ascoltando il loro racconto, confida la visione da lui avuta: quale veggente e profeta ha contemplato la caduta di Satana dal cielo verso il basso, proprio come cade un fulmine. Non si tratta ancora della fine definitiva di Satana, ma ormai la presenza di Cristo e la sua lotta risultano vincenti sul male e sulle potenze diaboliche. Ma quella gioia dei discepoli – ricorda loro Gesù – è poca cosa rispetto alla gioia che deve abitarli in profondità, gioia per la consapevolezza di essere amati da Dio ora e al di là della morte, perché anche nel cielo della vita eterna continuerà la vita del discepolo.

Il brano evangelico celebrato in questa domenica deve dunque stimolare ognuno di noi e la chiesa nel suo insieme a pregare il Signore perché mandi operai nella sua messe, come e dove lui vuole. Nello stesso tempo, deve ricordarci che, di fronte alle urgenze della missione, prima Gesù e poi la chiesa hanno saputo creare ministeri, trovare forme inedite, chiamare nuovi soggetti a essere “inviati” del regno di Dio. Ancora oggi lo Spirito santo rinnovi in noi audacia, coraggio e saldezza della fede.

Fonte: sito del Monastero di Bose https://www.monasterodibose.it/

----------------------------------------------------

INVITO ai NUOVI CORISTI
La nostra Comunità è felice di accogliere nuovi cantori e musicisti, che potranno unirsi al nostro Coro parrocchiale per l’animazione delle messe domenicali delle ore 11:00 e delle ore 18:00. I nostri responsabili accolgono le richieste di partecipazione alla fine di ogni messa. Grazie di cuore a tutti coloro che parteciperanno! Fatevi avanti senza paura!!

--------------------------------------------------------

APPELLO per NUOVI VOLONTARI

Facciamo nuovamente appello a chi può dedicare del tempo libero alla Comunità attraverso:
- servizio al bar dell’oratorio nei pomeriggi da lunedì a venerdì;
- pulizie della chiesa al giovedì pomeriggio dalle 14.30 alle 15.30;
- pulizie degli ambienti dell’oratorio al mercoledì mattina dalle 9.30 alle 10.30;
- pulizia della cappella dell’oratorio al mercoledì pomeriggio dalle 14.30 alle 15.30.

Siamo in difficoltà: abbiamo bisogno!!
Rivolgersi al diacono Renato, suor Argentina, Maurizio e don Claudio

---------------------------------------------------------- 

OGNI SABATO POMERIGGIO dalle ore 16.30 in Chiesa

sono sempre disponibili uno o due preti per celebrare il Sacramento della Riconciliazione.

Invitiamo adulti e ragazzi a usare di questa buona occasione in modo da poter godere di un tempo di silenzio, di preghiera  e di preparazione alla celebrazione della Confessione.

Appuntamenti dal 23 giugno al 7 luglio 2019

 

APPUNTAMENTI della SETTIMANA

Da Sabato 22 giugno e nei prossimi fine settimana • in Oratorio c’è “Estate Insieme”: serate di musica con la cucina aperta. Invitiamo a partecipare e a sostenere l’oratorio.
Dal 2 luglio • La Casa della Comunità nel periodo estivo è chiusa nel pomeriggio. Riapre il 2/9/2019.
Lunedì 24 giugnoalle ore 21.00 in oratorio: incontro con i partecipanti al viaggio nei Paesi Baschi.
Venerdì 28 giugnoricorderemo il parroco don Aldo Pagani a 25 anni dalla morte e a 100 anni dalla nascita; alle ore 21.00 Messa concelebrata da don Stefano Strada e don Roberto Businaro. Per l‘occasione, negli altari laterali sono esposte tante foto di don Aldo nei tanti anni vissuti qui a Cassina Nuova.
Da domenica 30 giugno a domenica 25 agostonon si celebra la Messa domenicale delle ore 18.00 a Cascina del Sole. Sarà celebrata solo a Cassina Nuova.
Domenica 30 giugnoalla messa delle ore 10.00 a Cascina del Sole avremo tra noi don Hervè al quale abbiamo donato i risparmi dell’iniziativa di carità della quaresima. E’ qui in Italia per una breve pausa. Avremo modo di conoscerlo e per tanti di incontrarlo di nuovo. Terminata la Messa, in oratorio racconterà con delle immagini la sua nuova missione.

-------------------------------------------------------------- 

NEWS ORATORIO OSGB

Dal 10 giugno al 12 luglio

ORATORIO ESTIVO 2019

Sono già disponibili i volantini con tutte le informazioni. Li trovate in oratorio o sulla pagina OSGB di questo sito.

* * * * * *

VACANZA ESTIVA 2019 a San Nicolò Valfurva (SO)

Sono aperte le iscrizioni per la vacanza estiva dei ragazzi a San Nicolò Valfurva (SO) con due turni:

  • 7 - 14 LUGLIO: dalla Terza alla Quinta ELEMENTARE
  • 14 - 21 LUGLIO: i ragazzi delle medie

Per qualunque informazione i Genitori si possono rivolgere in segreteria dell’oratorio, da Maurizio.

------------------------------------------------------------------

 “… da quanto tempo non metti nulla nella cesta della carità… ?”
Appello della “San Vincenzo” e della Carita

La nostra Caritas ha un gran bisogno di: PASTA, CARNE in SCATOLA e LATTE. Quanto viene donato lo si può mettere nella cesta della carità ai piedi dell’altare o portato direttamente in Casa della Comunità aperta ogni pomeriggio. Grazie!!

A proposito del primo Bilancio Partecipato del nostro Comune: il progetto “DECIDI TU

------------------------------------------------------- 

Proposta di viaggio organizzato dalla nostra Comunità Pastorale per il 2019

E' disponibile il foglio con una proposta di pellegrinaggio:

- Dal 26 al 30 agosto viaggio nei PAESI BASCHI  in Spagna - Scarica il programma

- Dall'8 al 10 novembre weekend a NAPOLI - Scarica il programma

 

CHIESA SAN BERNARDO

ORARIO SANTE MESSE

SABATO

ore 18.00 - Cassina Nuova di Bollate 

DOMENICA

ore   9.00 - Cassina Nuova di Bollate 

ore 11.00 - Cassina Nuova di Bollate

ore 18.00 - Cassina Nuova di Bollate (escluso nei mesi di luglio e agosto degli anni pari)

FERIALI

ore 18.00 - Cassina Nuova di Bollate

 

ORARIO CONFESSIONI

Tutti i giorni dopo le Messe e al Sabato dalle ore 16.30 alle ore 17.50

CHIESA SANT'ANTONIO

ORARIO SANTE MESSE

SABATO

ore 18.00 - Cascina del Sole

DOMENICA

ore   8.00 - Cascina del Sole

ore 10.00 - Cascina del Sole

ore 18.00 - Cascina del Sole (escluso nei mesi di luglio e agosto degli anni dispari)

FERIALI

ore 8.30 - Cascina del Sole

 

ORARIO CONFESSIONI

Tutti i giorni dopo le Messe e al Sabato dalle ore 16.00 alle ore 18.00

 

Bacheca

Verso il rinnovo dei Consigli di Comunità pastorale 

Domenica 20 ottobre 2019 saremo chiamati a rinnovare i membri dei Consigli Pastorali e degli Affari Economici delle nostre Comunità Pastorali e Parrocchiali.

Rinnoveremo questi Consigli per gli anni 2019-2023 e lo faremo non con la rassegnazione di una Chiesa in decadenza, ma animati dalla gioia di percorrere una nuova tappa evangelizzatrice nella vita della nostra Diocesi. La scelta della Comunità Pastorale è promettente: in essa rimangono le Parrocchie come “chiesa tra le case”, ci si scambiano i doni che lo Spirito diffonde e si cercano vie per essere discepoli testimoni.

Ai Consigli Pastorali è affidata la cura che la comunità dei discepoli del Signore viva del rapporto con il Signore. Che sia una comunità che nasce dall’Eucaristia, che ascolta la Parola e che vive un clima di preghiera fedele e fiduciosa, nella persuasione che senza il Signore non possiamo fare nulla. Inoltre, è affidata la cura che la comunità dei discepoli del Signore sia il contesto in cui ciascuno riconosce che la sua vita è una grazia, una vocazione, una missione. Infine, è affidata la cura che la comunità dei discepoli del Signore sia presente, nel contesto in cui vive, come il sale della terra, la luce del mondo, il lievito che fa fermentare tutta la pasta.  Con la creatività che la carità, la cultura, le feste e il buon vicinato ne siano segni semplici e luminosi.

Sono i passi su cui si sofferma la Visita Pastorale, che il nostro Arcivescovo Mario sta compiendo. Sarà in visita da noi il prossimo gennaio 2020! A breve saranno date indicazioni più precise per candidarsi come consigliere.

* * * * * * * * *  

TERZA FASE FONDO FAMIGLIA LAVORO

Con il mese di giugno, è partito nella nostra Comunità pastorale il Fondo Famiglia Lavoro 3.

Questa terza fase, voluta dal Cardinal Scola, prevede che a chi vi è ammesso sia offerto un tirocinio in azienda della durata da tre a sei mesi, con indennità di partecipazione di circa 400,00 euro mensili. E’ rivolto alle persone  residenti sul territorio della Diocesi Ambrosiana, con almeno un figlio minore a carico convivente, che siano disoccupate dal luglio 2015. Ci sono differenze rispetto alla Fase 1 e 2 del Fondo; in nessun caso è prevista l’erogazione di somme in denaro fuori dal tirocinio, né è prevista la frequenza a corsi di formazione. Per chiarimenti o richieste di accesso al Fondo, telefonare per appuntamento al n° 02-99205573 il mercoledì dalle 15.00 alle 16.30.

*  *  *  *  *

Lavori (e spese) in oratorio e in chiesa

Abbiamo concluso i lavori di rifacimento dell’ingresso dell’Oratorio con l’abbattimento delle barriere architettoniche dalla strada, così da permettere ai passeggini e alle carrozzine di entrare senza ostacoli in oratorio.
La spesa per questo lavoro ammonta a circa 8.000 euro.

Aggiungiamo anche il lavoro in Chiesa del nuovo impianto di riscaldamento con 14 emettitori di calore; abbiamo così una chiesa ancora più calda e accogliente per il periodo invernale, unendo anche un deciso risparmio energetico.
La spesa ammonta a circa 45.000 euro, che stiamo pagando a piccole rate.
Grazie a tutti coloro che si sono ricordati a Natale di fare un’offerta per le necessità della Parrocchia; facciamo appello alla generosità di chi può per sostenerci in questo impegno economico non indifferente. Grazie!

 

Oratorio Estivo 2019

Oratorio Estivo 2019 - Parrocchia San Bernardo

OSGB - Gitario 2019

OSGB - Gitario 2019 - Parrocchia San Bernardo

Diario da Haiti

Diario da Haiti - Parrocchia San Bernardo

Diario n. 18 di don Hervè da Haiti dove ci racconta della costruzione di un pozzo per la sua gente. Per restare in contatto con don Hervé e avere notizie e foto dalla sua Missione di Haiti, vai al sito www.parrocchiaportodomo.it (far scorrere la pagina verso il basso)

Paesi Baschi, 26-30 agosto 2019

Paesi Baschi, 26-30 agosto 2019 - Parrocchia San Bernardo

Dal 26 al 30 agosto viaggio nei PAESI BASCHI in Spagna. Si comunica che avendo raggiunto il numero massimo di iscritti (ben 45) le iscrizioni sono chiuse. Si chiede ai partecipanti dal 4 al 22 febbraio di versare l’acconto in Casa della Comunità.

NAPOLI, 8 -10 novembre 2019

NAPOLI,  8 -10 novembre 2019 - Parrocchia San Bernardo

Il Centro “Contardo Ferrini” di Cassina Nuova organizza un WEEKEND a NAPOLI dall’8 al 10 novembre 2019 (Venerdì/Domenica). Scarica il programma.

Progetto "Due mani in più"

Progetto "Due mani in più" - Parrocchia San Bernardo

SPESA a DOMICILIO Recuperare il senso della comunità e dell’importanza di prendersi cura di chi ha bisogno di sostegno, questi sono i principi cardine del progetto “Due mani in più”, il servizio di consegna della spesa agli anziani soli e agli adulti non autosufficienti intrapreso dal Comitato Soci Coop Lombardia, Caritas cittadina e C.P.S. Bollate. Per informazioni rivolgersi alla segreteria CPS tutti i giorni dalle 9.30 alle 12.00. Telefono 02.3502318 oppure presso Coop Bollate (tel. 02.3507991).

Foglio Avvisi

Foglio Avvisi - Parrocchia San Bernardo

Parrocchia San Bernardo

Battesimi

Battesimi - Parrocchia San Bernardo

Parrocchia San Bernardo

Parrocchia San Bernardo

GRUPPO SOS

GRUPPO SOS - Parrocchia San Bernardo

Iniziative e News - Visita la pagina del Gruppo SOS per conoscere le News dal PIME.